La dichiarazione di successione

dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione

IL SIGNIFICATO DI SUCCESSIONE

Con il termine successione si intende il trasferimento del patrimonio del defunto ai suoi eredi. Nel trasferimento, l’Agenzia delle Entrate pretende il pagamento delle imposte sul patrimonio trasferito. Attraverso un modello, chiamato Dichiarazione di Successione, si comunica all’agenzia l’asse ereditario, cioè il complesso dei beni che entrano in eredità, su cui poi calcolare le tasse da versare.

Fondamentalmente la successione può essere di due tipi:
successione testamentaria: quando è regolata da un testamento;
successione legittima: in assenza di un testamento, quando è regolata dalla legge.

Nel caso esista un testamento, ma questo non disciplini l’intera successione, la stessa sarà in parte testamentaria e in parte legittima.

L’ASPETTO FISCALE E LE IMPOSTE DOVUTE

Di solito gli eredi hanno a disposizione un anno per procedere con l’adempimento per versare le imposte dovute. Questa è una condizione imprescindibile al fine di poter disporre dei beni ricevuti a causa di morte. E’ importante sapere che durante l’emergenza del Coronavirus tale scadenza ha subito una proroga.

ACCETTAZIONE E RUOLO DEL NOTAIO

Per acquisire l’eredità occorre accettarla. L’accettazione può essere espressa con un ricevuta dal notaio o dal cancelliere del Tribunale del luogo, ove il defunto aveva l’ultimo domicilio. Oppure, in modo tacito, perché desumibile da un comportamento che manifesti la volontà di accettare.

Con l’accettazione, l’erede, subentra al defunto anche nei debiti. Per questo motivo la legge prevede la possibilità di:
rinunciare all’eredità, cioè di rifiutarla;
– oppure accettare con beneficio di inventario.

L’accettazione con beneficio d’inventario da modo da non rispondere dei debiti del defunto con il proprio patrimonio personale. Si risponde solo nei limiti del valore di quanto ricevuto in eredità.

Il notaio è un professionista con una competenza specifica in materia di successioni e può:
assistere i successori nella predisposizione e presentazione della dichiarazione di successione;
aurare la conseguente voltura catastale a favore degli eredi della intestazione dei beni;
ricevere gli atti di notorietà necessari allo svincolo a favore degli eredi di conti correnti o titoli intestati al defunto;
curare l’ottenimento delle autorizzazioni giudiziali necessarie in caso di lasciti devoluti a minori o incapaci;
ricevere gli atti relativi all’acquisto o al rifiuto dell’eredità.

Vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento?