STP: ALTERNATIVA ALLO STUDIO ASSOCIATO

STP

STP: ALTERNATIVA ALLO STUDIO ASSOCIATO

LA SOCIETA’ TRA PROFESSIONISTI O STP

STP ovvero la società tra i professionisti rappresenta un’alternativa allo studio associato e permette l’associazione fra i lavoratori appartamenti alle cosiddette professioni protette o riconosciute, cioè quelle tutelate da un ordine professionale, un collegio e/o un albo specifico.

La Società tra i professionisti è regolamentata dall’art. 10 della Legge 12 novembre 2011 nr. 183 e dal successivo decreto attuativo DM Giustizia nr. 34 del 08/02/2013.

Come per lo studio associato, anche la STP deve essere iscritta al Registro delle Imprese e l’iscrizione deve essere poi notificata all’ordine, collegio o albo di riferimento.

CARATTERISTICA FONDAMENTALE DELLE STP

Caratteristica fondamentale delle società tra professionisti o STP, è che possono aprirla solo i professionisti appartenenti alle professioni protette, ossia, quelle iscritte a collegi, ordini e albi specifici. Alcuni esempi:

  • Medici;
  • Veterinari;
  • Ingegneri;
  • Avvocati;
  • Commercialisti ed esperti contabili;
  • Maestri di sci;
  • Giornalisti;
  • ecc.;

La STP può avere diverse forme giuridiche secondo uno dei modelli societari previsti dal nostro ordinamento che hanno l’esercizio di una o più attività professionali come oggetto.

Si parla infatti di STP mono disciplinare quando l’oggetto sociale della società professionale prevede l’esercizio di una sola attività mentre si ha una STP multi disciplinare quando l’oggetto sociale prevede più attività professionali.

Le società tra professionisti sono società tipiche come società semplice, società in nome collettivo o in accomandata semplice SPA, o SRL o cooperative costituite da almeno 3 soci persone fisiche e ciò che differenzia queste società è l’oggetto sociale che prevede l’esercizio di una o più attività professionali.

I professionisti prima di scegliere la forma societaria più adatta alle proprie necessità devono tenere in considerazione due fattori in particolare che caratterizzano l’oggetto sociale:

  1. Il regime di responsabilità per la prestazione professionale che rimane ancora un fattore discusso tra chi pensa che la responsabilità del singolo professionista debba ricadere anche sugli altri soci e tra coloro che ritengono che tale responsabilità debba essere legata solo al professionista che esercita l’attività e al cliente che beneficia del suo servizio;
  2. L’eventuale presenza di soci non professionisti;

QUALI SONO I REQUISITI PER APRIRE E COSTITUIRE UNA STP?

  • Esercizio in via esclusiva dell’attività professionale da parte dei soci.
  • I soci della STP devono essere iscritti ad albi, ordini e collegi ed essere residenti in uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
  • La maggioranza dei voti per le decisioni deve essere riservata ai soci professionisti i quali devono versare anche i due terzi del capitale sociale;
  • L’incarico professionale va conferito ai soci in possesso dei requisiti e non ai professionisti di categoria non protetta;
  • Obbligo stipulazione polizza di assicurazione;
  • Esclusione del socio che viene espulso e viene cancellato dall’albo;
  • La denominazione STP deve contenere obbligatoriamente l’indicazione di società tra professionisti;
  • Le società cooperative devono essere costituite da almeno 3 soci persone fisiche;

La società tra professionisti può sicuramente costituire una valida alternativa per diminuire i costi di un affitto oneroso o per beneficiare dell’opinioni di altri professionisti dello stesso settore o di altri.

Rivolgersi al Notaio di fiducia per comprendere tutti gli aspetti inerenti questa forma di società tramite una consulenza preventiva rappresenta un’ulteriore vantaggio.