Famiglia: tradire sui social media equivale a tradire nella realtà

Famiglia: tradire sui social media equivale a tradire nella realtà

I social media e internet fanno ormai parte della nostra vita non solo di quella on line e così social e chat sono entrate prepotentemente anche nelle cause di separazione e di divorzio.

Una recente sentenza della Cassazione (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 9 maggio – 14 luglio 2016, n. 14414)ha stabilito che tradire il coniuge su internet è come tradirlo fisicamente con tanto di addebito per il traditore.

La Suprema Corte ha equiparato il tradimento “fisico” a quello che si sviluppa su un social media come Facebook o su una chat anche se la relazione rimane “platonica”.

Secondo i giudici della Cassazione tutte le volte in cui il rapporto telematico travalichi la semplice “amicizia virtuale” stabilendo un legame sentimentale questo basta per essere dichiarati colpevoli della violazione dell’obbligo di fedeltà.

Chi intrattiene flirt platonici in rete può contare sulla “non punibilità” della sua azione solo se riesce a dimostrare che la vera causa della rottura del matrimonio non è stata la sua relazione su internet, ma essa va ricercata in situazioni pregresse che già avevano minato l’unità familiare.

Solo la prova che la vita di coppia fosse in crisi può salvare il fedifrago dall’addebito.

Per quanto riguarda la scoperta del tradimento su internet un’altra sentenza emessa dal Tribunale di Roma (Trib. Roma, sent. n. 6432/16) ha stabilito che si possono utilizzare come prove dell’altrui tradimento anche gli sms e le chat segrete.

In questo caso non ci si può appellare alla violazione della privacy: i messaggini acquisiti dallo smartphone lasciato incustodito sono utilizzabili come prova del tradimento.

Il vincolo del matrimonio secondo i giudici, implica un affievolimento della sfera di privacy, imposto dalla condivisione di spazi, e quindi sarebbe tutt’altro che illecito andare a controllare la fedeltà del coniuge sullo smartphone.

Sempre più importanti risultano gli accordi prima del matrimonio per tutelare entrambi i coniugi.

Lo Studio Notarile Moccia garantisce la propria professionalità nell’ambito dei trasferimenti immobiliari in occasione di separazione o divorzio: contattateci per un appuntamento o un preventivo.

E’ possibile contattare i nostri uffici anche tramite i nostri numeri di telefono, il servizio di SMS dedicato al numero di cellulare: 320 – 20.41.935 oppure potete contattarci dalla nostra paginaFacebook.