Donazione: quando può essere revocata

Donazione: quando può essere revocata

La donazione è un contratto compiuto per mero spirito di liberalità, posto, cioè, in essere per arricchire il patrimonio del donatario e può essere fatta anche per riconoscenza o in considerazione dei meriti del donatario o per speciale rimunerazione.

La legge prevede taluni casi in cui la donazione possa essere revocata dal donante.

Vediamo quali sono:

* la donazione può essere revocata in caso di gravi reati contro il donante: l’aver ucciso o tentato di uccidere il donante, i suoi figli o i suoi genitori; averlo calunniato averlo gravemente ingiuriato o aver pregiudicato il suo patrimonio.
* ma anche l’arrivo di figli può far revocare una donazione. Il codice civile stabilisce infatti che le donazioni fatte da chi non aveva figli o ignorava di averne al tempo della donazione, possono essere revocate.

Possono, inoltre, essere revocate per il riconoscimento di un figlio, salvo che si provi che al tempo della donazione il donante aveva notizia dell’esistenza del figlio.

Importante ricordare che tutte le donazioni, quando non siano di modico valore, devono essere fatte davanti al Notaio ed il consiglio è di avvalersi sempre della cura di un professionista.

Lo Studio Notarile Moccia è a vostra disposizione: contattate il nostro Studio chiedeteci un appuntamento o un preventivo.

E’ possibile contattare i nostri uffici anche tramite i nostri numeri di telefono, il servizio di SMS dedicato al numero di cellulare: 320 – 20.41.935 oppure potete contattarci dalla nostra paginaFacebook.

No Comments

Post A Comment